Tari più cara a Messina. Il Consiglio approva il nuovo piano. Ok alla stabilizzazione di 147 operatori

Il Consiglio comunale approva il nuovo piano Tari che porta un incremento del 7% della tariffa per la gestione dei rifiuti. Un aumento in gran parte determinato dai maggiori costi per il conferimento dei rifiuti in discarica. Potremmo dire un atto obbligato da parte del civico concesso che ha adottato il provvedimento a meno di un mese dal voto del 12 giugno.

Messina Servizi in aula ha più volte spiegato che il prezzo per il trasferimento della spazzatura nella discarica di Lentini è passato da 130 euro a tonnellata a 240 euro.

Contestualmente l’aula ha approvato un atto di indirizzo con il quale si impegna il commissario Santoro a procedere alla stabilizzazione dei 147 operatori i cui contratti scadono il prossimo 31 maggio. Nel piano sono state individuate le coperture finanziare, 800 mila euro, per garantire la continuità occupazionale.

L’approvazione in Consiglio è stata possibile grazie ai 14 i voti “trasversali” favorevoli (Giannetto, Calabrò, Cacciola, Cipolla, D’Angelo, De Leo, La Fauci, La Paglia, Mangano, Pergolizzi, Antonella Russo, Scavello, Schepis, Tamà), due gli astenuti (Fusco e Cardile.)

Sardegna, Meloni-Tajani-Salvini “Impariamo da sconfitte e vittorie”

ROMA (ITALPRESS) – “I dati disponibili sul voto in Sardegna, consegnano una vittoria per meno di 3mila voti alla candidata del centrosinistra Alessandra Todde...
- Advertisement -