Scuole in Dad fino al 23 gennaio. De Luca chiede zona arancione e ai no vax dice: “Basta. Avete rotto il c…o!”

Scuole chiuse a Messina fino al 23 gennaio e attivazione della Dad. E’ quanto prevede l’ordinanza del sindaco Cateno De Luca firmata nel pomeriggio di oggi, dopo il vertice che si è tenuto in Prefettura.

Ad oggi la normativa prevede che solo in zona arancione o rossa i sindaci possano disporre la sospensione delle attività in presenza. Ma De Luca ha deciso, comunque, di adottare il provvedimento in attesa delle decisioni che arriveranno dalla Regione. A preoccupare è la situazione che si è venuta a creare in seguito al nuovo incremento di contagi.

L’ordinanza – ha fatto sapere il sindaco durante una diretta facebook – ha ottenuto il parere positivo da parte dell’Asp.

“Si condividono – si legge – le proposte all’uopo formulate dal sindaco di Messina e relative sia alla dichiarazione della zona arancione nel territorio della provincia di Messina e sia alla chiusura degli istituti comprensivi e scolastici pubblici, privati e paritari di ogni ordine e grado, ivi compresi gli asili nido, micronido, sezioni primavera e gli asili in casa, per il periodo intercorrente dal 10 gennaio al 23 gennaio 2022, compreso”.

Il sindaco di Messina ha anche chiesto l’istituzione della zona arancione su tutto il territorio provinciale. Su questo punto si attende il pronunciamento della Regione.

Nella lunga diretta De Luca è tornato ad attaccare il presidente Musumeci e l’assessore Razza considerati responsabili della cattiva gestione della pandemia. In questo momento l’incidenza settimanale dei nuovi positivi a Messina è di 840 su 100 mila abitanti. Poi un messaggio rivolto ai no vax: “Adesso basta. Avete rotto il c….o!”

Fiorentina-Lazio 2-1, viola rilanciano ambizioni europee

FIRENZE (ITALPRESS) – La Fiorentina batte 2-1 la Lazio fra le mura amiche del Franchi e, scavalcando in classifica al settimo posto proprio i...
- Advertisement -