Russo torna in Consiglio. Domani la surroga in aula

Sotto il profilo politico io caso Croce è chiuso e Alessandro Russo, rappresentante del Partito Democratico, subentra in consiglio comunale a Messina. La seduta in cui verrà discussa la delibera di surroga è stata convocata per domani alle 13.30. Sarà Russo (e non Sebastiano Tamà di Forza Italia) a prendere il posto dell’ex vertice della struttura regionale contro il dissesto idrogeologico, oggi ai domiciliari per l’inchiesta sui lavori di messa in sicurezza del torrente Bisconte, perché il quoziente elettorale della lista in cui era candidato, “De Domenico Sindaco”, è il più alto tra quelli dei non eletti. Croce (che in Consiglio era stato eletto in quanto miglior candidato sindaco perdente) si è dimesso nei giorni scorsi. L’inchiesta della Procura è riuscita in ciò che la politica non ha saputo fare. Per mesi in aula a palazzo Zanca si è discusso sul ruolo di Croce consigliere comunale perennemente assente. Respinta la delibera sulla sua ineleggibilità con il centro destra che ha fatto quadrato. Centro destra che oggi, forse, dovrebbe provare imbarazzo alla luce dei risvolti giudiziari. “Tornerò a sedere in Consiglio comunale con lo spirito di sempre, la passione di sempre e la voglia di fare bene per la nostra Messina. Grazie ai tanti che in questi mesi mi sono stati vicini con affetto, sostegno e incoraggiamento”, le prime dichiarazioni di Russo.

Droga in un pacco postale: arrestato dai Finanzieri. Ancora stupefacente agli imbarcaderi

Nel corso delle ultime settimane i finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno sequestrato un chilo di cocaina in transito sullo Stretto di Messina,...
- Advertisement -