30.8 C
Messina
domenica, Giugno 26, 2022

Rincari Atm, da gennaio la stangata

MESSINA. La nuova Atm spa ancora deve nascere ma intanto c’è il tariffario che entrerà in vigore il prossimo anno. Rincari in vista per il servizio di trasporto pubblico cittadino. Lo ha deciso la giunta comunale, che ha approvato l’aumento dei prezzi dei biglietti per bus e tram e dei gratta e sosta per i parcheggi. 

Sarà abolito il tagliando di corsa semplice da 1,20 euro. Il biglietto più economico sarà quello a tempo, varrà 100 minuti e costerà 1,50 euro, 2 euro se comprato a bordo. Aumenta anche quello da due corse giornaliere: da 1,70 euro a 2,50 euro. Il biglietto giornaliero costerà invece ben 4 euro. Aumenti anche per gli abbonamenti. 

Per quanto riguarda i parcheggi, i gratta e sosta su strada diventeranno tutti con una tariffa oraria da 1 euro. Quelli mattina o pomeriggio saranno da 3 euro. 5 euro il costo del giornaliero.

Una rivoluzione tariffaria che rischia, però, di incidere sull’utenza in maniera negativa. Provvedimento contestato dal consigliere comunale Libero Gioveni che definisce scellerata questa scelta per i risvolti anche sociali che essa determinerà. Eppure l’Atm Spa sarà destinataria di maggiori trasferimenti da parte del Comune. Così è stato deciso. Maggiori risorse a copertura del servizio. Perché allora questi aumenti a carico dell’utenza? 

ULTIMI ARTICOLI

Tentata violenza sessuale alla “Real Cittadella”, arrestato un 31enne

0
Nel primo pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia di Messina Centro, supportati da due equipaggi del locale Nucleo Radiomobile, hanno tratto in arresto...

più popolari