21.8 C
Messina
domenica, Settembre 25, 2022

Il risanamento cambia il volto di Messina. Procedono le demolizioni e si comprano gli alloggi

Il volto di interi quartieri cittadini cambia grazie alle opere di demolizione delle zone baraccate. Quel risanamento promesso da decenni e che adesso, passo dopo passo, diventa una realtà dopo la presa di posizione del governo nazionale che concesso risorse, cento milioni di euro, e poteri speciali in capo al prefetto di Messina. Un esempio positivo di come la politica alle volte sia in grado di affrontare una problematica al di là degli schieramenti e degli interessi di parte. Fondo Fucile, Fondo Saccà, Camaro Sottomontagna, Annunziata, via delle Mura. In queste zone le baracche sono soltanto un ricordo. A breve le ruspe dovrebbero entrare in azione anche al rione Santa Chiara che nel frattempo è diventato una discarica a cielo aperto.

Il risanamento, è stato evidenziato in diverso circostanze, non si completa soltanto con l’assegnazione di alloggi, quelli che l’Agenzia Comunale continua ad acquistare sul libero mercato, e la demolizione delle baracche. La scommessa, quella vera, è il percorso della riqualificazione e rigenerazione urbana. Cosa fare nelle aree liberate. Sul questo punto lavora in modo specifico Palazzo Zanca. In alcune circostante si pensa a costruire altri alloggi, in altre la soluzione è rappresentata dai parchi urbani. E per quanto si possa essere soddisfatti per il cammino compiuto fino a questo momento è chiaro che il cammino è ancora lungo ma finalmente dopo decenni di annunci il risanamento è una realtà.

- Advertisement -