25.2 C
Messina
venerdì, Luglio 1, 2022

Morte Rizzotti. Caso di lupara bianca a Barcellona Pozzo di Gotto. Dopo 32 anni in manette i presunti killer

Sebastiano Rizzotti aveva ventitré anni quando venne ucciso dalla mafia. Il suo cadavere occultato. Il classico e non unico caso di lupara bianca. Era l’8 aprile del 1990. A 32 anni di distanza la svolta grazie alle indagini coordinate dalla Procura di Messina e condotte dai Carabinieri del Ros che hanno tracciato un quadro di presunta colpevolezza suffragato da un’ordinanza di custodia del gip Tiziana Leanza, che ha portato nella notte a due arresti.

In manette due barcellonesi accusati di omicidio premeditato. Il 51enne Domenico Abbate e il 52enne Renzo Messina, nei confronti dei quali il gip ha disposto il carcere. Fondamentale per la svolta è stato il supporto dei collaboratori di giustizia insieme ad una serie di riscontri effettuati in questi anni dai carabinieri. Secondo le ricostruzioni gli arrestati di oggi ritenuti contigui alla famiglia mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto, con ogni probabilità si occuparono di avvicinare la vittima conducendola con un pretesto presso la frazione Gala dove ad attenderli vi erano i vertici dell’organizzazione mafiosa che, dopo un sommario interrogatorio, ne avrebbero decretato l’uccisione.

La scomparsa del giovane va ad aggiungersi ai numerosi casi di “lupara bianca” che tra la fine degli anni ‘80 e gli inizi degli anni ‘90 si registrarono nella zona tirrenica della Provincia di Messina nella cruenta guerra tra i “barcellonesi” e l’avverso gruppo dei “chiofaliani”. Ma perchè la morte di Rizzotti? Il 23enne sarebbe stato ucciso in seguito ad furto di pneumatici commesso da Rizzotti ai danni di un imprenditore che era “protetto” dai barcellonesi. Ma c’è chi sostiene la vicinanza del giovane ai “chiofaliani”, la fazione capeggiata da Pino Chiofalo che in quegli anni voleva prendere il potere su Barcellona e dintorni ma quella guerra di mafia la perse contando decine di morti ammazzati tra capi e gregari.

ultimi articoli

- Advertisement -

più lette