32.8 C
Messina
domenica, Giugno 26, 2022

Mimose seqestrate dalla Gdf. Fiori donati al Policlinico

Nella giornata di martedì 8 marzo, Festa della donna, il Comando Provinciale di Messina ha messo in atto un’operazione di controllo per contrastare il fenomeno del commercio abusivo di fiori.

Nel centro cittadino, i finanzieri del Gruppo di Messina hanno sequestrato circa 400 mimose, a tre diversi ambulanti. 

Proprio nei giorni scorsi, la “Federfiori-Confcommercio imprese per l’Italia”, associazione che riunisce i fiorai italiani, aveva richiamato, come ogni anno, l’attenzione dei Comuni d’Italia nei confronti di tutte quelle forme di illegalità che si incontrano quotidianamente nella vendita dei fiori, richiedendo di intensificare i controlli per arginare ogni forma di abusivismo commerciale e di vendita irregolare di mimose.

 

Il sequestro è avvenuto in alcune principali vie del centro della città dello Stretto e nei pressi dei mercati rionali. I rametti di mimosa erano ben confezionati e posti per la vendita su bancarelle improvvisate. I venditori ambulanti sono risultati completamente sprovvisti delle previste autorizzazioni e licenze; pertanto, i finanzieri peloritani hanno contestato le relative violazioni amministrative, segnalando i tre responsabili al Comune di Messina.

 

Le mimose sequestrate non sono andate perdute: la Guardia di Finanza le ha devolute in beneficenza al Policlinico “G. Martino” di Messina per essere donate al dipendente personale femminile, sanitario e amministrativo.

 

Dall’8 marzo di due anni fa, con l’emanazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, con cui si istituì il primo lockdown, il personale ospedaliero di tutta Italia ha lavorato incessantemente per la salvaguardia della vita di tutti: l’omaggio floreale ha voluto esprimere l’apprezzamento non solo della Guardia di Finanza ma di tutta la collettività per la loro passione e dedizione.

 

La giornata dell’8 marzo, oltre a rappresentare un evento particolare per il suo intrinseco significato morale, riveste anche un aspetto economico importante per gli operatori del settore floreale, che vedono in quel giorno, come accade anche per la Festa della mamma, una fonte di ricavi importante per la loro attività.

 

L’attività di oggi testimonia, ancora una volta, l’impegno delle Fiamme Gialle nel contrasto all’evasione fiscale, alla concorrenza sleale e al fenomeno dell’ambulantato abusivo che, oltre a danneggiare il mercato, sottrae opportunità e lavoro alle imprese oneste che investono nella propria attività, rispettando le regole.

ULTIMI ARTICOLI

Tentata violenza sessuale alla “Real Cittadella”, arrestato un 31enne

0
Nel primo pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia di Messina Centro, supportati da due equipaggi del locale Nucleo Radiomobile, hanno tratto in arresto...

più popolari