Messina attende la Vara. Ma i lavori di restauro? Intervento del Movimento 5 Stelle

Caduto lo stato di emergenza per il Covid 19 ed in assenza di eventuali nuove prescrizioni, Messina quest’anno potrà tornare a vivere le emozioni del ferragosto con la secolare e tradizionale processione della Vara. Così, al mano si spera. «A tutt’oggi, nonostante la mozione di indirizzo presentata un anno fa, nessuna somma è stata stanziata dalla precedente amministrazione per il restauro della vara, né sono stati attuati interventi per il ripristino delle funzionalità e delle condizioni strutturali della macchina votiva». È quanto scrivono in una nota i consiglieri del M5S Cristina Cannistrà e Giuseppe Fusco, che spronano il Commissario straordinario Leonardo Santoro a intervenire al più presto per poter programmare, salvo cause di forza maggiore, lo svolgimento delle manifestazioni civili e religiose del Ferragosto messinese.

«Già a luglio del 2021 – spiegano – abbiamo chiesto la convocazione della V^ Commissione consiliare per discutere l’eventuale esposizione, nel mese di agosto, della Vara e dei Giganti, in considerazione delle restrizioni Covid vigenti. In quella occasione fu anche presentata una mozione, poi votata dal Consiglio Comunale, al fine di impegnare l’amministrazione a reperire i fondi per la manutenzione del Carro votivo, fermo ormai da due anni, ma da allora non è stato fatto nulla. Il tempo stringe e – secondo i consiglieri – non è possibile attendere l’esito del voto, considerando inoltre l’ipotesi del ballottaggio».

Dunque la richiesta rivolta al Commissario e al dirigente al ramo Salvatore De Francesco di attivarsi nell’immediato per mettere in atto gli interventi necessari e programmare nei tempi congrui un evento di fondamentale importanza per tutta la collettività

Il Napoli cambia ancora, via Mazzarri, arriva Calzona

NAPOLI (ITALPRESS) – “Walter Mazzarri è un amico della famiglia De Laurentiis e soprattutto un amico del Napoli. E’ sempre doloroso esonerare un amico,...
- Advertisement -