L’ultimo saluto a Michela Murgia tra lacrime, sorrisi e Bella Ciao

Date:

- Advertisement -

ROMA (ITALPRESS) – Lo spazio antistante la Chiesa degli artisti si riempie ben prima dell’arrivo e del feretro e comincia a svuotarsi quando oramai la macchina con la bara di Michela Murgia non si vede più. L’ultimo saluto alla scrittura e intellettuale è commosso e pieno di gente, tanta. Al punto che molti sono costretti a seguire le esequie da fuori, anche grazie alla diretta Facebook. Applausi, cori – “Michela ci mancherai”, “Michela sei grande” -, i pugni chiusi, Bella Ciao intonata più volte tra le bandiere dell’Anpi e quelle transgender, i ventagli arcobaleno e i palloncini a forma di unicorno. E’ un saluto commosso ma non senza qualche sorriso – come durante il discorso di commiato di Lella Costa e Chiara Valerio – quello che la folla tributa, sfidando il caldo (che ha provocato anche un paio di malori, prontamente soccorsi dal personale sanitario) alla scrittrice scomparsa il 10 agosto scorso. La chiesa è priva di fiori, secondo le volontà della stessa Murgia. Trova spazio sopra la bara solo la composizione realizzata con peperoncini, carciofi e il mirto della sua Sardegna. Restano fuori sia il cuscino inviato dal Comune di Roma sia quello delle altre autorità. Tra i banchi Francesca Pascale, con la moglie e cantante Paola Turci, la segretaria dem, Elly Schlein, Nicola Fratoianni, il regista Paolo Virzì, la scrittrice Chiara Valerio, l’attrice Lella Costa, la famiglia queer, tanti personaggi dello spettacolo e non e Roberto Saviano che nel suo intervento durante la funzione ne ha ricordato il “talento che le permetteva di ribaltare le cose. Questo la rendeva pericolosa ai potenti. La vita di Michela è la prova finale che si sceglie di essere differenti, e Michela per anni è stata bersaglio e ha nascosto questo dolore dentro di sè. Chi ha fatto davvero del male a Michela sono i pavidi per interesse, quelli che spacciano opportunismo per moderazione con la loro mancanza di orizzonte. Loro hanno reso la vita di Michi difficilissima”. Questo funerale – ha aggiunto Saviano – è “un atto politico come avrebbe voluto Michela. Una celebrazione tra persone per dire ‘non siamo solì, ‘non siete solì”.
L’attrice Lellla Costa, visibilmente emozionata, ha sottolineato come “c’è una cosa terribile che capita spesso di fare quando muore una persona di grande spessore ed è parlare di sè. Non voglio farlo anche se non ho preparato un discorso e non sapevo ci fosse la possibilità di intervenire. Anzi, fino a questa mattina non sapevo nemmeno se sarei riuscita a venire a salutarla. Ho anche tanta rabbia. Con tanta brutta gente che c’è in giro, doveva andarsene proprio lei? Forse non è proprio la cosa più giusta da dire in chiesa, lo so. Ma è la verità”. Durante l’omelia don Walter Insero, rettore della Basilica Santa Maria in Montesanto, ha ricordato come “ha fatto tante battaglie, lo sappiamo. Vi invito ad accogliere la testimonianza di fede che ha rappresentato nel momento della prova, nella malattia, nella sofferenza dura che ha vissuto. Michela – ha aggiunto – ha portato avanti la buona battaglia, ha conservato la fede, direbbe San Paolo. Ci ha lasciato questa testimonianza: è possibile amare nel dolore, è possibile salutare tutti e riconciliarsi con tutti. Chi ha avuto il regalo dalla Provvidenza di poter condividere gli ultimi momenti ha visto una donna affidarsi a Dio, una donna che non ha mai avuto timore di manifestare la sua fede”.
(ITALPRESS).
– Foto Italpress/xc5 –

Rinnovato l’omaggio alla memoria di Paolo Borsellino e degli agenti della scorta

Si è svolta questa mattina - in occasione del trentaduesimo anno dalla strage di via D’Amelio - l’annuale commemorazione per ricordare il giudice Paolo...

Tari più leggerà a Messina. Riduzione del 30%

“Adesso la tassa rifiuti a Messina è in linea con quella delle più virtuose Città metropolitane e l’andamento negli ultimi 10 anni è rappresentato...

“Jaan Rose cittadino onorario di Messina”. La proposta del consigliere La Fauci

Jaan Rose, l’atleta estone che ha attraversato lo Stretto sospeso a più di 200 metri su una slakline larga meno di due centimetri merita...

Altre notizie

Stipendi arretrati. Infermieri del 118 in servizio a Giardini Naxos pronti allo sciopero

Ritardi nei pagamenti agli operatori sanitari che lavorano nel 118 all’Asp di Messina e scatta la protesta dei sindacati di categoria. Gli infermieri della...

Atletico Messina: restano Valerio Cuscinà, Marcello Farina e Gaetano Lembo. Il nuovo innesto è Antonio Foti

Il futuro dell’Atletico Messina si costruisce, sempre di più, sul recente passato: sono state confermate, nei giorni passati, le permanenze nell’organico biancoazzurro di Valerio...

Raddoppio Rfi. Intesa con i sindaci jonici. Nuove fasce orarie per il passaggio dei camion

Dal 9 al 22 agosto stop alla circolazione dei mezzi pesanti diretti e provenienti dai cantieri per il raddoppio ferroviario. Lo prevede il nuovo...

Passeggeri senza cinture di sicurezza, verifiche e multe della Polizia Stradale

39 i veicoli controllati ed oltre 45 le violazioni accertate di cui 41 elevate a causa del mancato uso della cintura da parte del...