Imprenditore vicino al clan dei “barcellonesi”, sequestro beni da oltre un milione

Date:

- Advertisement -

I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno eseguito un decreto di sequestro emesso dal Tribunale su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, relativo al patrimonio societario, mobiliare ed immobiliare, per un valore stimato di oltre un milione di euro, riconducibile a Sebastiano Puliafito, noto esponente del “clan dei barcellonesi”, diretta propaggine di “Cosa Nostra” siciliana.

Sulla base delle risultanze investigative l’imprenditore, ex appartenente alla polizia penitenziaria ed ex gestore di note discoteche situate nel territorio di Milazzo, si è reso protagonista di numerosi precedenti giudiziari: da ultimo, nel luglio scorso, a seguito delle indagini dell’operazione “Dinastia”, è stato riconosciuto responsabile dei delitti di associazione a delinquere di stampo mafioso e di associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico, con una condanna, in abbreviato, che dovrà comunque trovare conferma nelle successive fasi giudiziarie, a ben 20 anni di carcere.

L’operazione richiamata rappresenta uno sviluppo della incessante manovra di contrasto coordinata dalla Procura Distrettuale di Messina nei confronti della famiglia mafiosa barcellonese, la cui esistenza e operatività è stata negli anni accertata con varie sentenze all’esito di numerosi procedimenti penali che l’hanno decimata con l’arresto e la condanna di capi storici e gregari.

Sul caso di Puliafito, in particolare, dagli accertamenti economico patrimoniali svolti, è emerso un quadro incoerente relativamente al periodo 2008 – 2011, sperequato rispetto alla capacità reddituale, riscontrando uscite, per contratti di leasing accesi dal proposto, superiori rispetto al reddito dichiarato.

Nel corso dell’odierna attività, sono stati affidati ad un amministratore giudiziario nr. 2 compendi aziendali, comprensivi dei relativi beni patrimoniali, attivi nel settore del “noleggio autoveicoli ed attrezzature per lavori edili”, nonché nr. 3 immobili, siti nel Comune di Milazzo, nr. 14 autoveicoli e nr. 4 rapporti finanziari, per un valore complessivo di stima pari a oltre un milione di euro.

ACR Messina, luci sul mercato: i primi colpi sono Diego Simonetta e Manuel Di Palma

È ufficialmente iniziato, in mattinata, il calciomercato in casa ACR Messina: i primi colpi sono Diego Simonetta e Manuel Di Palma.L'annuncio dei primi neo-acquisti...

Crisi idrica, domani incontro in Prefettura, Basile: “Scoperta perdita a Santa Margherita”

“Domani, martedì 23 luglio, nel corso dell’incontro programmato in Prefettura – dichiara il sindaco Federico Basile in una nota - condivideremo con la cabina di...

Messana, confermato il difensore Alberto Mondello

La Messana ha ufficializzato la conferma del difensore Alberto Mondello in vista della prossima stagione agonistica.Dopo le conferme di Antonino Cannavò e di Alessandro...

Altre notizie

Muore improvvisamente in casa, la procura di Patti dispone autopsia

SANT'AGATA MILITELLO. Comunità scossa per la morte improvvisa della 40enne Giuliana Faraci. Il corpo della donna è stato ritrovato in casa questa mattina dai...

Crisi idrica, nasce l’osservatorio del Pd. “Amministrazione in confusione. Attenzione a risorse e distribuzione”

MESSINA. Il Partito Democratico annuncia l'insediamento di un Osservatorio Permanente sulla Crisi Idrica che sta vivendo Messina. Dubbi sulla gestione delle risorse da parte...

Sbarca a Messina con 12kg di cocaina nascosta in auto, arrestato 43enne

MESSINA. Nella tarda serata di sabato, nell’ambito dei servizi di polizia svolti al Porto di Messina sugli imbarcaderi che trasportano i turisti, la Polizia...

Villafranca, i precari del Comune sfilano in corteo con la Cisl: “Stabilizzare chi lavora”

VILLAFRANCA. E' partito dall’aula consiliare del palazzo municipale di Villafranca Tirrena il corteo dei lavoratori precari e Asu in attesa di stabilizzazioni del comune...