Fuggono dalle comunità di accoglienza. Minori rintracciati dalla Polfer. Il bilancio delle attività nel mese di febbraio

Ben 12.309 persone controllate, di cui 12 indagati, 400 treni presenziati, 210 veicoli ispezionati, 65 contravvenzioni elevate e 1.303 pattuglie impegnate nei servizi di vigilanza in stazione, a bordo treno e lungo la linea ferroviaria: è questo il bilancio delle principali attività di controllo, effettuate dalla polizia ferroviaria in tutta la Sicilia, nel mese di febbraio. I poliziotti della Specialità, oltre alle consuete attività d’istituto, sono stati impegnati in 4 giornate dedicate ai controlli straordinari predisposti dal Servizio Polizia ferroviaria, su tutto il territorio nazionale inerenti le Operazioni: “Oro Rosso”, finalizzata al contrasto del fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario, “Stazioni sicure”, con l’obiettivo di incrementare il livello di sicurezza in ambito ferroviario e “Rail Safe Day” per contrastare i comportamenti scorretti in ambito ferroviario che pregiudicano la sicurezza della circolazione e degli utenti.Su tutto il territorio della Sicilia sono stati rintracciati 5 minori, di cui 2 a Catania, 2 a Palermo e 1 a Messina, tutti riaffidati alle rispettive comunità da cui si erano precedentemente allontanati. I controlli sul territorio sono stati affiancati costantemente dall’attività di educazione alla legalità e alla sicurezza ferroviaria che ha consentito agli agenti della Polfer di Taormina, Messina, Catania, Caltanissetta e Palermo, di svolgere incontri formativi nelle scuole di ogni ordine e grado, raggiungendo oltre 1.200 studenti, nell’ambito dei Progetti “Train… to be cool”, “PretenDiamo Legalità” ed “Incroci”. Quest’ultimo progetto ha fatto il suo debutto proprio nel mese di febbraio, suscitando subito grande interesse nel mondo scolastico per l’interdisciplinarità dei temi trattati riguardanti il viaggio sulla rete, su mezzo ferroviario e su strada. Diverse le richieste di assistenza giunte alla Sala Operativa della Polfer da parte di viaggiatori distratti, per il recupero di effetti personali dimenticati a bordo treno, in stazione e sui traghetti operanti nello stretto di Messina In particolare, a Catania gli agenti hanno recuperato e restituito a turisti di diversa nazionalità dei dipinti, circa 1.000 Euro in contanti, documenti ed una macchina fotografica.

Incendio all’ospedale di Tivoli, tre vittime. La Procura apre un’inchiesta

TIVOLI (ROMA) (ITALPRESS) – Le fiamme si sarebbero propagate attorno alle 22,30 di ieri da un’area destinata ai rifiuti dell’ospedale Giovanni Evangelista di Tivoli,...
- Advertisement -