Decadenza Croce. In Consiglio Comunale potrebbe arrivare una delibera

La questione della decadenza del consigliere comunale di Forza Italia Maurizio Croce potrebbe approdare in aula grazie ad una delibera. A Palazzo Zanca in queste ore si lavora anche su questa vicenda divenuta, ormai paradossale, è tornata di attualità politica in occasione dell’elezione dei vice presidenti. Il candidato sindaco del centro destra alle ultime amministrative occupa un seggio pur non partecipando ai lavori d’aula. 136 le assenze nel corso di quest’anno. Il presidente del Consiglio Nello Pergolizzi ha deciso di prendere di petto la questione. Con lui anche i rappresentanti delle forze politiche di quella che fino a qualche settimana fa è stata la maggioranza. Il quesito sulla incompatibilità di Croce è stato posto all’attenzione della Prefettura di Messina e dell’assessorato regionale alle Autonomie locali. Ed in attesa di una risposta istituzionale si procede per altre vie. Al posto di Croce in aula potrebbe subentrare l’ex consigliere comunale del partito democratico Alessandro Russo. Il centro sinistra, tuttavia, fino a questo momento non ha fatto nulla per tutelare il proprio rappresentante. Intanto sfumerebbe la nomina di Croce alla presidenza dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto. L’orientamento del Governo sarebbe un altro. Nelle more della definizione della riforma che interesserà tutti gli enti che si occupano della gestione dei porti al vertice dell’Autority per il dopo Mega, che sta operando in regime di proroga, potrebbe andare un commissario. Il nome che trapela in questo momento è quello del contrammiraglio Antonio Ranieri.

- Advertisement -