Centro NemoSud al Policlinico, 9 indagati per fondi pubblici stornati al privato

Sono 9 gli indagati nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Messina relativa all’attività del centro “Nemo Sud” all’interno del Policlinico Universitario della città dello Stretto. Anche l’assessore regionale alla Salute Giovanna Volo risulta indagata.

Secondo l’ipotesi d’accusa i dirigenti dell’epoca del Policlinico (dal 2012 al 2021) avrebbero per favorire il centro privato, le prestazioni di neuro-riabilitazione. Le risorse della Regione, 11 milioni circa, sarebbero andata così al Centro “Nemo” e non alla struttura pubblica.

Gli accertamenti riguardano, oltre all’assessore Volo: Alberto Fontana, fondatore del Centro clinico Nemosud; Giuseppe Laganga ex direttore generale del Policlinico universitario di Messina; Giuseppe Pecoraro, ex direttore generale del Policlinico universitario di Messina; Mario Melazzini, presidente Fondazione Aurora del Centro Clinico Nemo Sud; Paolina Reitano, già direttore sanitario del Policlinico; Marco Restuccia, ex dg del Policlinico; Giuseppe Vita, già direttore dell’Unità di Neurologia del Policlinico; Michele Vullo, ex direttore generale del Policlinico

Il presidente della Regione Renato Schifani, appena appreso dell’indagine che riguarda l’assessore Volo ha dichiarato:

«Un’indagine non è una condanna, né penale né politica. Stamane l’assessore Volo mi ha correttamente informato dell’accaduto e dei fatti che le si contestano. Rimane immutata la mia fiducia nei suoi confronti».

Meloni “Raggiunto al G7 l’accordo sugli asset russi”

BARI (ITALPRESS) – “L’eroica resistenza degli ucraini ha impedito a Putin di portare a compimento il suo piano e la compattezza dell’Occidente ha assicurato...
- Advertisement -