Caronte&Tourist apre ai giovani talenti provenienti da tutta Italia

Ci sono soddisfazione e determinazione nelle parole con le quali l’HR Manager Tiziano Minuti ha commentato il primo “Recruiting Day” organizzato a Messina nella sede del Gruppo Caronte & Tourist.

Sono stati più di 1.300 i curricula giunti. Quaranta di questi (originariamente dovevano essere trenta ma l’entusiastica adesione ha convinto gli organizzatori a rivedere al rialzo la cifra) sono finiti nella short list dei convocati. Tra costoro – giovani laureandi e neolaureati negli indirizzi giuridico, ingegneristico ed economico individuati dagli specialisti “cacciatori di persone” di Glasford (Gruppo internazionale di Executive Search nato in Italia che oggi conta partnership con 38 paesi nel mondo) e provenienti dalle Università di tutta Italia- saranno infine individuati alcuni “junior manager” che, insieme agli altri talenti entrati a far parte dell’organico del Gruppo negli ultimi anni ne costituiranno la futura dirigenza.

Per i giovani partecipanti una preziosa occasione per presentarsi direttamente, attraverso un colloquio individuale, e approfondire la conoscenza di una realtà imprenditoriale leader nel territorio. Un momento che sintetizza e rappresenta concretamente quel nuovo modo di fare orientamento incentrato sul contatto diretto tra studenti e aziende (anche prima del conseguimento della laurea), per conoscere e proporsi secondo le proprie attitudini e desideri.

Ad accogliere i candidati alcuni componenti del board dell’azienda: la Presidente del Gruppo C&T, Olga Mondello Franza, gli AADD di C&T Isole Minori, Vincenzo Franza e Calogero Famiani insieme ai direttori generali dell’azienda, Luigi Genghi ed Edoardo Bonanno.

A rispondere alle curiosità dei candidati alcuni dei dipendenti del Gruppo, appartenenti alla generazione degli under 40, autentici“testimonial” del cambiamento dell’azienda. Questi professionisti – che hanno un’età compresa tra i 24 e i 36 anni – sono coloro che negli ultimi dieci anni sono arrivati in C&T subito dopo (o durante) gli studi accademici compiendo un rapido percorso di crescita professionale, grazie agli strumenti messi a disposizione dall’azienda e alle loro capacità trasversali.

Per governare i processi di cambiamento, un’organizzazione deve costantemente arricchirsi di nuova linfa e di nuove energie. La formula vincente è, per noi, un turnover progressivo e ponderato, che tramandi l’esperienza dei dipendenti con maggior seniority alle nuove leve, integrando al contempo elementi innovativi; abbiamo ricercato per questo giovani talentuosi e meritevoli, che vogliano mettersi in gioco, pronti ad espandere i propri orizzonti anche attraverso un percorso di job rotation dove mettere a frutto le proprie competenze trasversali, oltre che quelle specialistiche.”

Le università e le imprese – ragionano in C&T – devono sempre più camminare insieme. Solo così è pensabile affrontare sfide che, obiettivamente, fanno tremare le vene dei polsi. Parliamo dell’aggiornamento delle competenze, in torrentizio cambiamento in ogni settore; della necessità di un metodo di lavoro multidisciplinare e quindi della obbligatoria contaminazione dei saperi; delle nuove forme di lavoro ibrido eredità della pandemia; della necessità sempre più avvertita di armonizzare i tempi del lavoro con le esigenze della famiglia, per le donne come per gli uomini.

Tutti temi densi e pesanti, la cui urgenza non può essere sottostimata. Da anni C&T si impegna per rendere l’ambiente di lavoro un luogo inclusivo, stimolante, nel quale ognuno abbia chances di crescita personale e possa contribuire al successo della squadra.

Il Gruppo continua a rigenerarsi, con l’assunzione di giovani e giovanissime professionalità (+ 4% nel 2022 e un ulteriore + 3% nel 2023); il Gruppo inoltre vede in continuo aumento le presenze femminili nei propri organici (nel 2023 le donne erano già il 10% del totale dei dipendenti).

Il futuro di un’azienda – chiosa Tiziano Minuti – dipende anche dalla capacità di attrarre nuovi talenti. Con entusiasmo e convinzione abbiamo voluto questo Recruiting Day, uno strumento aperto, moderno e di massima trasparenza. Ai giovani selezionati offriamo un contratto di un anno, con il tutoraggio delle migliori professionalità senior presenti in azienda, e prospettive di stabilizzazione e carriera”.

Festival di Cannes, la Palma d’Oro va ad “Anora” di Sean Baker

CANNES (FRANCIA) (ITALPRESS) – Era uno dei favoriti, “Anora”, e alla fine la commedia dell’americano Sean Beker ha conquistato la Palma d’Oro assegnata dalla...
- Advertisement -