Cardiochirurgia pediatrica, De Luca: “Scippo ai danni dei cittadini”

La decisione dell’assessore regionale alla Sanità Volo di non rinnovare la convenzione con il Bambin Gesù di Roma obbligando la cardiochirurgia pediatrica dell’Ospedale San Vincenzo di Taormina a chiudere i battenti è gravissima . Il Governo regionale si  sta assumendo una responsabilità enorme e sta scientemente privando i piccoli pazienti e le loro famiglie di un presidio fondamentale per la Sicilia orientale”. Così in un comunicato stampa il deputato regionale del Movimento Cinque Stelle Antonio De Luca. 

“Solo qualche mese fa in commissione – continua il parlamentare regionale – l’assessore aveva dichiarato di essere disponibile a prorogare la convenzione destinando 5 milioni di euro oltre il budget destinato all’Asp di Messina, ma io non mi ero fidato del proclama e avevo consigliato a tutti di adoperare la dovuta cautela sull’argomento sin quando il rinnovo e lo stanziamento non fossero messi nero su bianco. Oggi è venuta fuori la verità che avevo intuito e già provveduto a denunciare: il Governo Schifani vuole chiudere la cardiochirurgia pediatrica di Taormina per aprirne una nuova all’ospedale Civico di Palermo con la Fondazione del Gruppo San Donato di Milano, gruppo di sanità privata dove occupa una posizione di primo piano anche una vecchia conoscenza del Presidente Schifani, ossia l’ex Ministro Angelino Alfano”. 
“Questa giravolta a danno del centro di cardiochirurgia pediatra di Taormina – prosegue il deputato del Movimento Cinque Stelle – è però inaccettabile e discriminatoria perché tendente a favorire una città a discapito di un’altra, mettendo così in atto l’ennesimo scippo alla sanità messinese.  Oltre al comparto sanitario taorminese e alle famiglie dei tanti bimbi curati in questi anni dai sanitari del San Vincenzo, l’intera popolazione della provincia di Messina, e non solo, dovrebbe ribellarsi per questa scelta scellerata. Come capogruppo del Movimento Cinque Stelle preannuncio una forte azione politica di contrasto all’azione dell’assessore Volo”

.  Pensavamo – conclude l’on. Antonio De Luca – che  nell’ambito della sanità si fosse toccato il fondo durante il Governo Musumeci sotto la gestione Razza, ma devo ammettere che l’attuale assessore al ramo si sta dimostrando inadeguata almeno tanto quanto il suo predecessore”.

- Advertisement -