Atm. Ancora uno sciopero proclamato da Filt Cgil e Uiltrasporti. Lo stop il 25 febbraio

Una seconda azione di sciopero delle sigle Filt Cgil e Uiltrasporti proclamata per il prossimo 25 febbraio per la durata di otto ore dalle 9:00 alle 17:00. Dopo il primo sciopero dello scorso 14 dicembre ampiamente partecipato dai lavoratori iscritti alla Filt Cgil e Uiltrasporti le due sigle sindacali procedono alla seconda azione di protesta. “Mentre sotto la lente di ingrandimento della Corte dei Conti ci sono anche i debiti e la procedura di liquidazione della vecchia Atm, oggi continuiamo a denunciare  la mala gestione della nuova Atm Spa – dichiarano Carmelo Garufi e Michele Barresi segretari generali di Filt Cgil e Uiltrasporti- dove da tempo riscontriamo l’autoritaria e vessatoria mano del presidente Campagna, con particolare accanimento verso gli iscritti a queste sigle sindacali ed un continuo susseguirsi di azioni unilaterali in carenza di corrette relazioni sindacali. L’insediamento del nuovo direttore generale – continuano Garufi e Barresi –  in qualunque azienda può rappresentare un nuovo capitolo, ma nell’augurare un buon lavoro al dott. Claudio Iozzi, siamo consapevoli che si ritroverà ad operare nel contesto dell’attuale azienda dove giornalmente assistiamo alla massima consacrazione delle co-gestioni politico sindacali, peggiori di quelle tanto contestate nella campagna elettorale del sindaco De Luca. Ci auguriamo- concludono Garufi e Barresi – che il nuovo manager metta al centro la meritocrazia, il dialogo con lavoratori e sindacati, la trasparenza e la sicurezza del lavoro.

- Advertisement -