Coronavirus. La Chiesa sospende tante attività

MESSINA. Emergenza Coronavirus. L’arcivescovo di Messina, mons. Giovanni Accolla, ha diffuso una nota che tiene conto delle disposizioni del Governo, della CEI e della CESi in merito alle misure precauzionali per il contenimento del COVID-19. Si disponeche fino al 3 aprile, a eccezione della Celebrazione Eucaristica, siano sospese tutte le attività, le manifestazioni e le iniziative locali e diocesane con concorso di popolo (catechesi, processioni, convocazioni, raduni, attività oratoriali, sportive e simili). 

Le visite agli ammalati siano ridotte ai soli casi dell’Unzione degli infermi e del Viatico e si promuova la pia pratica della comunione spirituale. 

Per la celebrazione delle esequie si usi la massima prudenza, evitando le condoglianze non solo dentro la chiesa, ma anche negli spazi di pertinenza della parrocchia.

Il Sacramento della Penitenza venga celebrato nella forma individuale con le dovute attenzioni.

In questo periodo di tempo, negli orari e nelle modalità ritenute più opportune, si esponga nelle chiese il SS.mo Sacramento per la preghiera personale di intercessione e supplica, garantendo una presenza e una costante vigilanza.

L’arcivescovo di Messina ricorda che è necessario distribuire l’Eucarestia sotto la specie del Pane, sulla mano dei fedeli, evitare lo scambio della pace con un contatto fisico, tenere temporaneamente vuote le acquasantiere. Rinviati a data da destinarsi gli appuntamenti che erano programmati per questo periodo.