11 misure cautelari per spaccio di cocaina. La banda messaggiava in codice con WhatsApp e Telegram

Date:

- Advertisement -

All’alba di oggi, i Carabinieri della Compagnia di Patti hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal GIP del Tribunale di Patti, su richiesta della locale Procura della Repubblica, diretta dal dott. Angelo Vittorio Cavallo, nei confronti di 11 persone, di cui 8 agli arresti domiciliari e 3 all’obbligo di dimora, sul cui conto il Giudice ha riconosciuto gravi indizi di colpevolezza in ordine ai reati di “detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti”.

L’operazione è il risultato di un’attività investigativa, condotta dai Carabinieri Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Patti (ME), con il supporto della Stazione di Piraino (ME), da cui è emersa l’operatività di un gruppo di soggetti dediti allo smercio di sostanze stupefacente del tipo cocaina, che gestivano due distinte “piazze di spaccio” presenti nell’area di Gliaca di Piraino, che sono state individuate e disarticolate, dalle quali centinaia di giovani assuntori si rifornivano. L’attività di riscontro ha permesso di sequestrare anche circa 100 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, rinvenuta nella disponibilità di uno dei destinatari della misura.

Le indagini sono state condotte sia tramite i classici servizi di osservazione, che mediante attività tecniche d’intercettazioni telefoniche, ambientali e riprese video, che hanno permesso di ricostruire il circuito di approvvigionamento e spaccio della sostanza stupefacente nell’area tirrenica e, in particolare, nelle zone di Gliaca di Piraino, Brolo e Gioiosa Marea ma, soprattutto, di decifrare i particolari “codici” utilizzati dagli indagati nelle conversazioni, nell’evidente timore di essere monitorati dalla Forze dell’ordine. Infatti è emerso che gli stessi, per comunicare tra loro, utilizzavano applicazioni di messaggistica istantanea, quali WhatsApp e Telegram. Tali intuizioni investigative sono state riscontrate anche dalle riprese video ed è stato accertato che ad ogni specifico e peculiare linguaggio telefonico, corrispondeva un successivo accesso ad una delle due “piazze di spaccio”, individuate nelle abitazioni di tre soggetti oggi raggiunti dalla misura cautelare.

I componenti del gruppo, oltre ad eseguire verifiche all’esterno delle abitazioni ove avveniva materialmente la compravendita dello stupefacente, per verificare la presenza delle Forze dell’Ordine, fornivano anche suggerimenti e consigli ai loro clienti sui comportamenti da tenere in caso di controlli. Infatti agli acquirenti veniva suggerito di “buttare”, prima di un’eventuale perquisizione, lo stupefacente appena acquistato, onde evitare che gli investigatori, in caso di rinvenimento e sequestro dello stesso, potessero risalire al fornitore della droga. Al fine di incentivare tale condotta ed evitare il rischio che il cliente si facesse trovare lo stupefacente addosso dalle Forze dell’Ordine, uno degli indagati è arrivato finanche a promettere ai propri clienti la possibilità di recuperare la “perdita” attraverso un’equivalente fornitura a titolo gratuito, previa esibizione di copia del verbale della perquisizione subita.

Un altro indagato, che nel corso delle indagini era peraltro sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale, gestiva con scrupolo la piazza di spaccio presso la propria abitazione e, per segnalare agli acquirenti la disponibilità dello stupefacente, teneva la luce accesa di una stanza adibita a salotto.

Dalle investigazioni svolte è risultato che tre degli indagati hanno posto in essere un’attività di spaccio, in modo sistematico, attraverso un’assegnazione di specifici ruoli. Agli altri soggetti, invece, conoscendo molti clienti e fornitori e mantenendo rapporti con soggetti orbitanti nel panorama criminale nell’hinterland catanese, nonché contatti con soggetti dell’hinterland palermitano, in base a compiti diversificati, ricoprivano un ruolo assimilabile a quello dei “riders”, ricevendo le ordinazioni di stupefacente dalla loro cerchia di amici e conoscenti, recandosi presso il fornitore di turno e provvedendo, in tempi rapidi, alla consegna “delivery” della sostanza al cliente. Nel fare ciò alcuni di loro, anch’essi assuntori di stupefacente, provvedevano a trattenere una piccola parte della dose commissionata, a titolo di “prezzo/provvigione” per l’incarico svolto.

Nel corso dell’attività investigativa che si è conclusa con l’esecuzione del provvedimento cautelare, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato di 4 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacente, con il sequestro di 100 grammi di cocaina, oltre 100 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e la somma in contanti di 3.500 euro ritenuta verosimilmente provento dell’attività illecita di spaccio, segnalare all’Autorità amministrativa 10 assuntori.

Sorpreso ad incendiare rifiuti, 76 arrestato in flagranza di reato

MAZZARRA' SANT'ANDREA (ME). Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione di Furnari, nell’ambito di un servizio volto alla vigilanza della discarica di Mazzarrà Sant’Andrea, dopo...

Rifiuti, Caminiti annuncia lo “spazzino di quartiere” e l’incremento della videosorveglianza

MESSINA. “Con l'approvazione del Piano Economico Finanziario 2022-2025, Messina potrà procedere ad importanti iniziative per la gestione dei rifiuti e il miglioramento della pulizia...

Rinnovato l’omaggio alla memoria di Paolo Borsellino e degli agenti della scorta

Si è svolta questa mattina - in occasione del trentaduesimo anno dalla strage di via D’Amelio - l’annuale commemorazione per ricordare il giudice Paolo...

Altre notizie

Tari più leggerà a Messina. Riduzione del 30%

“Adesso la tassa rifiuti a Messina è in linea con quella delle più virtuose Città metropolitane e l’andamento negli ultimi 10 anni è rappresentato...

“Jaan Rose cittadino onorario di Messina”. La proposta del consigliere La Fauci

Jaan Rose, l’atleta estone che ha attraversato lo Stretto sospeso a più di 200 metri su una slakline larga meno di due centimetri merita...

Stipendi arretrati. Infermieri del 118 in servizio a Giardini Naxos pronti allo sciopero

Ritardi nei pagamenti agli operatori sanitari che lavorano nel 118 all’Asp di Messina e scatta la protesta dei sindacati di categoria. Gli infermieri della...

Atletico Messina: restano Valerio Cuscinà, Marcello Farina e Gaetano Lembo. Il nuovo innesto è Antonio Foti

Il futuro dell’Atletico Messina si costruisce, sempre di più, sul recente passato: sono state confermate, nei giorni passati, le permanenze nell’organico biancoazzurro di Valerio...